martedì 28 febbraio 2017

Mike - la bambola infestata

ref. n°27- scaffale n°1 - settore E


 Da un collezionista privato inglese abbiamo recuperato una vecchia bambola di stoffa recuperata sul finire degli anni 60. Sembra che il collezionista abbia avuto questa bambola direttamente dai coniugi Warren (attualmente possessori della famosa bambola posseduta Annabelle).
Nella lettera abbinata, con la storia dello strano bambolotto definito con il nome di "Mike", si evince che una donna, lo avesse comprato come regalo per suo figlio, ma nel tragitto di ritorno a casa, ebbe un incidente mortale con uno scuolabus. Nell'incidente persero la vita anche 4 bambini. Il bambolotto fu raccolto e ripulito, anche se alcune macchie di sangue sono ancora presenti e ben visibili sulla testa, per poi essere passato da un magazzino all'altro, fino al precedente proprietario. Tutti i precendenti possessori affermano che in presenza del bambolotto succedono strane cose. Piccoli oggetti persi da tempo vengono ritrovati mentre altri scompaiono; il bambolotto compare nei sogni per poi trasformarsi in un bambino e, per finire, di notte sembra di sentire la voce di diversi bambini venire proprio dalla direzione del bambolotto. 
I precedenti proprietari riferiscono di essere riusciti a distinguere 4 diverse voci: 3 di bambini e 1 bambina.

Mike, custodito nel museo insieme alle altre bambole maledette


arrivo al museo: 27/02/2017
A seguito saranno aggiunti eventuali fenomeni particolari legati alla permanenza nella collezione del bambolotto.

lunedì 6 febbraio 2017

Piccola mummia antropomorfa

ref. n°3- scaffale n°1- settore V

Un nuovo arrivo degno di nota al museo: Siamo riusciti a farci mandare (solo temporaneamente purtroppo) una delle piccole mummie antropomorfe rinvenute nei pressi della città di Arequipa (Perù).



La piccola mummia, indicata con il codice P.A. sk06, è stata una delle ultime ritrovate dall'equipè di ricerca incaricata dal governno peruviano di far luce sul mistero di questi strani ritrovamenti.
La mummia appare in posizione supina, con gli arti inferiori distesi; presenta la gamba sinistra molto danneggiata e dalla pelle mummificata si vedono chiaramente le ossa della gamba. L'addome presenta segni di muschio e muffa. La calotta cranica, leggermente sproporzionata, presenta due fessure dove un tempo erano i bulbi oculari, un naso pronunciato, ma nessuna fessura per i padiglioni auricolari. Non si riesce a capire nemmeno la posizione esatta della cavità orale.

 
La seconda mummia recuperata - P.A.SK-02




dettaglio della testa e della parte alta dell'addome

giovedì 2 febbraio 2017

Una strana valigia messicana

ref. n°1- scaffale n°2- settore V

teschio e altare "Dias de los Muertos"
 Questa valigia è stata rinvenuta in uno scompartimento di un treno nei pressi di Durango (Messico). Nessuno dei passeggeri sembra ricordarsi il volto del proprietario, nè il momento in cui se ne sarebbe andato lasciando la sua valigia incustodita. All'interno della valigia c'è tutto l'occorrente per realizzare un piccolo altare per il "Dias de los Muertos", consistente in una serie di candele nere, fiori gialli essiccati e finti, ed un cranio dipinto con i classici colori della festa messicana. Oltre a questo erano presenti alcune stampe, un giornale messicano ed alcuni riferimenti ai "Corridos", con un cd musicale contenente alcuni brani probabilmente autoprodotti, dove vengono narrate le vicende poco regolari di alcuni personaggi più o meno famosi.
 
la foto dei corridos


dettagli dell'interno della valigia
E' risaputo che la DEA messicana e molte altre forze speciali ricercano i cd dei corridos moderni, poichè nelle tracce delle loro canzoni sono nascoste molte informazioni riguardante i boss dei cartelli della droga messicani e di fuggiaschi e criminali vari; e sono descritti perfino i loro crimini.

NOTA: ad oggi il cd non è più ascoltabile, risultando illeggibile da qualunque dispositivo. Ad una analisi abbiamo scoperto che è stato danneggiato con un oggetto appuntito. Il suo contenuto è andato quindi perduto.

mercoledì 25 gennaio 2017

Videoclip musicale - Deathless Legacy



I Deathless Legacy hanno scelto come location per il loro videoclip del singolo "Witches' Brew" proprio alcune stanze della collezione. Mai scelta fu più azzeccata.....

Volete le streghe? Eccovi serviti. Tra una coda di lucertola e un pizzico d'odio, dal calderone non si sa mai quel che potrebbe uscire. Non c'è spazio per la redenzione. Non ci sono cattivi che si pentono di esserlo e scelgono di essere buoni. Le streghe, le nostre streghe, sono cattive, spezzano il più grande tabù dell'umanità, nutrendosi di carne umana. Non ci sono inquisitori a fermarle, ci sono solo le eco degli applausi delle forze del male.
Per la regia di Andrea Falaschi, batterista dei Deathless Legacy, il video di "Witches' Brew" custodisce una serie di rimandi e riferimenti simbologici che invitiamo coloro che stanno leggendo a scoprire e scrivercelo nei commenti. 

 "Witches' Brew", dopo "Headless Horseman", svela un altro tassello di "Dance With Devils", in uscita il prossimo 27 gennaio per Scarlet Records.




Are you looking for the witches? Here they are. Between the tail of a lizard and a pinch of hate, you never know what will come out of the cauldron. There's no space for redemption. No bad guys sorry to be bad, no bad guys choosing to be good. The witches, our witches, they're evil. They destroy the biggest taboo of humankind, eating human flesh. There are no inquisitors to stop them, just the echoes of the evil forces clapping.
Directed by Andrea Falaschi, Deathless Legacy's drummer, the official Videoclip for "Witches' Brew" preserves a series of symbolic references that you have to discover, reader, and write us in the comments.
The shooting took place in the amazing and mysterious Villa Webb, in Bagni di Lucca, an ancient residence of Lord Byron himself. Today it hosts the Museo dell'Impossibile, but it seems like Lord Byron is still bounded to that summer residence, nestled between the mountains. His ghost still blows gently in those rooms, where he practiced occult rituals.
"Witches' Brew", after "Headless Horseman", reveals another piece of "Dance With Devils", to be released on January 27th via Scarlet Records.

lunedì 16 gennaio 2017

Cintura del Licantropo

ref. n°4- scaffale n°3- settore F


la cintura in esposizione nella collezione Alpini


 Un tempo si credeva che per poter diventare un lupo mannaro fosse necessario indossare una cintura fatta con vecchie catene arrugginite, a cui venivano legate ossa di lupo e, sopratutto, il suo cranio. La particolarità era che la cintura dovesse essere stata realizzata dal diavolo in persona.
L'erronea credenza che il morso di un lupo mannaro trasformasse il malcapitato è solo una trovata letteraria.

Dopo mesi di trattative, conttatti diretti e scambi intellettuali, siamo riusciti ad avere una di queste rare cinture e a poterla esporre nella collezione, che presto riserverà uno spazio a tutto quello che ruota attorno a questa affascinante figura.
 





mercoledì 14 dicembre 2016

Phasmidiae Leach. Le vere fate della Malesia

ref. n°5- scaffale n°3- settore B
 

 Molte volte le leggende e le creature della mitologia, nascono da fatti veri e creature esistenti realmente. Non è difficile infatti vedere in alcuni insetti delle sembianze antropomorfe. Questo è il caso della famiglia "Phasmidiae", che ad ali spiegate, possono tranquillamente sembrare delle piccole fate. In una teca ben conservata, si possono vedere due esemplari provenienti dalla Malesia, dalla fine degli anni 70. 
 

tavola di un'artista riportante alcune antropomorfizzazioni di questi insetti.

giovedì 20 ottobre 2016

EVENTO: Cena spettacolo e concerto "La dama e l'Unicorno"

Evento speciale sabato 12 novembre nella sede del museo dell'impossibile!
Cena completa più spettacolo e concerto de "La Dama e l'Unicorno" con lo show "La quercia delle streghe". 
Per chi vuole ci sarà la possibilità di visitare il museo durante la serata.

ECCO LE ISTRUZIONI PER LA PARTECIPAZIONE
I posti sono limitati a 50, per questo è necessaria la prenotazione. La cena si svolgerà alle ore 20.00 nel salone della storica villa Webb (attuale sede del museo dell'impossibile) e si svolgerà sotto la sola illuminazione di candele!!!!
Per prenotare basta confermare la presenza su facebook tramite un messaggio, o mandare una mail alla nostra casella (icaruscrane@virgilio.it), o anche telefonare al nostro recapito (in alto a sinistra).
Al momento della prenotazione potrete effettuare una ricarica postepay sulla carta intestata ad Alpini Christian num 4023600916254370 di un importo pari almeno al 50% del totale. Il biglietto vi arriverà direttamente per email assieme ad un codice.
Si ricorda che l'importo è' di 25,oo euro ed è comprensivo di tutto! Cena completa, spettacolo, visita al museo.
E' assolutamente gradita la partecipazione in costume!!! Per chi verrà alla cena indossando un costume (di qualunque tipo....ma meglio se medievale o a tema fantasy) ci sarà una bellissima sorpresa!!!!!!
Non esitate a contattarci per maggiori informazioni!!!